Ottimizzare la quotidianità e migliorare i risultati - Francesco Agostinis – ZuzuWork | Agenzia social Napoli Salerno

Our Blog

Latest News

Ottimizzare la quotidianità e migliorare i risultati – Francesco Agostinis

Per acquisire valore in un mondo pieno di competitività, è necessario “sbattersi” prima degli altri e non sperare che le cose ci piovano addosso.

Oggi abbiamo parlato con Francesco Agostinis. Ecco cosa ci ha detto:

Di cosa ti occupi?

Di un po’ di cose diverse, in realtà mi occupo per prima cosa di gestire un’azienda, Loop Srl, specializzata in campagne advertising su Facebook e Google focalizzate sulle performance. Mi occupo poi anche di formazione, online e offline, per Marketers, Ca Foscari Challenge school e altri enti nazionali e internazionali. Infine, mi occupo del mio personal brand, che soprattutto grazie alle community su Facebook e ai contenuti costanti che creo per Linkedin, mi ha permesso di diventare uno dei Facebook Expert più famosi in Italia.

Quanto la quarantena ha effettivamente influito sul tuo lavoro?

Molto poco, se non per il fatto che sto lavorando più di prima. La mia azienda è da sempre full remote, cioè basata su freelance e collaborazioni da remoto. Non abbiamo un ufficio, vediamo molto poco i nostri clienti e di fatto questo periodo non è molto diverso dal precedente a livello lavorativo. Mi ha inoltre permesso di aumentare la quantità di content prodotti, tra Live, articoli, guide e post, e quindi ho molto più lavoro da fare di prima.

Cosa stai facendo per tenerti impegnato?

Lavoro, studio, sto con mia moglie. Poche cose ma costanti, per costruire competenze sempre migliori da sfruttare man mano che ce ne saranno le occasioni.

Ti sei preposto degli obiettivi per questo periodo di quarantena?

Si, ma non mi interessa molto raggiungerli. Mi spiego meglio: ci sono tante cose che mi piacerebbe fare, ma alla fine ciò che conta davvero è che io riesca a ottimizzare la mia quotidianità e migliorare i miei risultati. Leggere libri, guardare film etc etc sono tutte cose secondarie per me.

Come prevedi il tuo ritorno alla normalità?

Un po’ errante. Viaggerò l’Italia, sicuramente, e forse anche l’Europa.Per il resto, niente grossi cambiamenti.

Cosa ti ha insegnato questa quarantena?

Che la gente è molto più prevedibile di quanto creda. Basta un po’ di comunicazione e cambia idea a seconda di dove tira il vento.Se si analizzano le crisi passate e quello che è successo all’estero (lavorando con la Cina, conosco il problema virus da mesi ormai), l’italiano medio è esattamente come qualunque altra persona e segue le stesse dinamiche. Oltre a questo, ho imparato che le opportunità le prende chi si sbatte prima degli altri e più degli altri e non passa il tempo a lamentarsi inutilmente

Grazie a Francesco Agostinis,(qui puoi leggere tutte le altre interviste), se ti è piaciuto questo articolo faccelo sapere e seguici su instagram @zuzuwork 

Il coronavirus come una livella universale - Antonio Palumbo
L'utilità delle attese - Berta Pinna

Related Articles

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.